Pensavo di saper correre bene… ed invece si impara sempre qualcosa di nuovo!

7 nov 2013

IMG_3389

 

Da quando nella mia vita è arrivato RUNFEDERUN, non ho più smesso di correre!

A parte gli scherzi e le battute, bisogna dire che ogni giorno si migliora e si scopre qualcosa di nuovo! Io ho scoperto un nuovo modo di correre…  anzi diciamo che sto cercando di perfezionarlo… sono ancora all’inizio.

 

Alla domanda …”ma tu sai correre?”  la risposta semplice e sincera è … “Certo… è una cosa così naturale!”

In parte è vero… ma grazie alla tecnologia raggiunta, è possibile migliorare la nostra CORSA!   Oggi attraverso 2 video vi mostrerò i cambiamenti e  vedremo insieme il mio PRIMA e DOPO.

Eccomi pronta insieme ad ANTONIO ROMANO, FOUNDER & OWNER di Romans Club, per incominciare il nostro lavoro di analisi e cambiamento.

 

.

IMG_3388

 

 

IL PRIMA 

Questo è il video realizzato appena sono arrivata in palestra.

https://www.youtube.com/watch?v=l_hNjwQSiBA

 

 

 

IMG_3430
Vediamo  come l’appoggio avvenga completamente a carico del tallone, non perpendicolare al corpo ma molto prima della linea ROSSA.

Grazie a delle scarpe ammortizzate non mi è possibile sentire come tutto il mio peso scarichi sul tallone ,  con una traslocazione del corpo ad arto teso,  scaricando l’impatto su altre articolazioni come ginocchio, anca, colonna.

 

E questo non è bene.

 

IL DOPO

 

Questo video è stato realizzato senza scarpe proprio per prendere percezione dell’appoggio del piede con una nuova tecnica di corsa.

 

https://www.youtube.com/watch?v=xeq_HgiRobo

 

Infine ho indossato delle nuove scarpe Vivobarefoot senza ammortizzatori , che rievocano una camminata a piede scalzo, ottenendo una corsa corretta senza creare traumi al mio corpo.

IMG_3387

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=5OIo_15R7mg

 

 

IMG_3431

 

 

Vediamo che aumentando la frequenza del passo ( circa 180 appoggi al minuto, bip bip) e utilizzando scarpe Vivobarefoot senza supporti, inconsciamente appoggio il piede esattamente sotto la perpendicolare del baricentro ( linea rossa ), iniziando subito la fase di spinta nella posizione corretta, diminuendo il carico passivo e correndo sempre attivamente e con la giusta frequenza, aumentando l’angolo della gamba di richiamo opposta all’arto in appoggio, rendendo la corsa più ciclica.

 

 

… CURIOSO vero… provateci anche voi!

 

 

 

 

IMG_3386

 

 

 

 

 

 

 

 

3 commenti a questo articolo
  1. Dany
    il 7 nov 2013 alle 15:00

    Quindi Fede io non ci capisco più niente…scusami ma mi hanno sempre detto di correre con delle scarpe che ammortizzino proprio per evitare traumi alla colonna vertebrale. Invece non è così? Dobbiamo cambiare tipo di scarpe? Ciao

  2. Annamaria
    il 25 nov 2013 alle 20:06

    Ciao Federica,complimenti per il blog…sono una ragazza di 23 anni,appassionata di corsa,e sempre in lotta con il proprio peso….dovrei perdere una 15 di chili infatti,per quanto tempo mi consigli di allenarmi al giorno,per raggiungere il mio obiettivo?

    • Federica Fontana
      il 6 dic 2013 alle 20:08

      Mangia bene e sano… non fare porzioni abbondanti, mangia spesso durante la giornata, acqua tanta, movimento tutti i giorni!!!!!!


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>